Ciba Brokers operativa sul welfare aziendale a seguito dell’accordo con Day Gruppo UP

Mar 18, 2019

A seguito dell’accordo siglato con con Day Gruppo UP, provider di servizi di benessere alle imprese, Ciba Broker è entrata nella fase operativa della gestione di progetti di welfare aziendale, un’opportunità, normative alla mano, molto conveniente per le imprese e particolarmente gradita da chi lavora, in quanto vi trova un sostegno alla complessità della propria vita quotidiana.

A partire dal 2016 sono state introdotte importanti novità in tema di welfare aziendale e sono aumentati i beni e i servizi defiscalizzati a favore dei dipendenti. Si ampliano le tipologie di servizi per la famiglia, le spese di istruzione, i servizi di assistenza e sostegno ai familiari anziani e non autosufficienti (Art. 51 comma 2 lett. f-bis ed f-ter T.U.I.R.): con la Legge di Bilancio 2018 anche il trasporto pubblico locale è entrato a far parte del welfare aziendale.

Le opportunità di welfare aziendale vengono gestite in totale autonomia dagli utenti accedendo al portale DayWelfare, sul quale sono a disposizione sia servizi alla persona che possibilità di acquisto tramite marchi prestigiosi presenti sul mercato. La navigazione sul sito, semplice e intuitiva, offre, quindi, la possibilità di crearsi un pacchetto personalizzato di flexible benefit, in base alle esigenze personali di ciascuno, di suggerire strutture o professionisti di fiducia e di mettere a rimborso le fatture delle spese sostenute. I contesti di acquisto previsti all’interno del portale riguardano i seguenti settori: assistenza sanitaria, famiglia e istruzione, famiglia e assistenza, trasporto pubblico locale, acquisti e shopping, benessere, cultura e salute, previdenza complementare.

I premi di risultato che un’azienda può convertire in welfare aziendale presentano un importo massimo di 4.000 euro per dipendenti con reddito annuo lordo entro gli 80.000 euro:

  • hanno una tassazione agevolata e sono soggetti ad un’imposta sostitutiva dell’IRPEF e delle addizionali regionali e comunali del 10%,
  • i premi di produttività, corrisposti entro i limiti previsti, non concorrono alla formazione del reddito complessivo del lavoratore o del suo nucleo familiare,
  • ai fini dell’agevolazione tali premi devono essere di importo variabile e riferito ad incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza ed innovazione, misurabili e verificabili sulla base di criteri definiti con apposito decreto interministeriale.

CIBA è in grado di effettuare un check up gratuito ovvero riguardo alle opportunità che le aziende possono conseguire. I nostri consulenti sono a disposizione per qualsiasi informazione in proposito.

Per essere contattati: segreteria@cibabrokers.it